Chi siamo

Siamo un gruppo di appassionati di tecnologia, del fai da te e del software libero. Ispirati dal progetto Ninux di Roma vogliamo realizzare anche a Firenze (e dintorni) una rete wireless libera da censure e di proprietà delle persone.

Vuoi partecipare?

  • Vai sulla mappa e aggiungi un nodo potenziale
  • Iscriviti alla nostra mailing list
  • Vieni ad una riunione del gruppo: gli incontri avvengono il Lunedì ogni 2 settimane presso la sede all'Exfila (via Monsignor Leto Casini, 11, Firenze, mappa) alle ore 21.00.

    Nuovo Nodo Masaccio

    Il nodo è stato montato sul palo dell’antenna TV sul tetto del palazzo, da cui si ha una buona visuale sulle colline e sui tetti dei palazzi intorno. Le due antenne sono configurate in bridge e collegate a due porte diverse del router (tp-link) con firmware OpenWrt + Olsrd. Router e alimentatori PoE si trovano in una stanza all’ultimo piano.

    antenne

    Primo sopralluogo

    Innanzitutto abbiamo disposto lungo il percorso tra router e antenne una guaina da esterni, senza effettuare, per il momento, curve troppo strette (il percorso è piuttosto breve, circa 2,5m); subito dopo abbiamo fatto scorrere all’interno della guaina la sonda passa-cavi, legandovi all’estremità i 2 cavi ethernet ftp per le 2 antenne. Fortunatemente nel muro era già presente un buco alla base del palo, dove abbiamo fatto passare la guaina contenente i cavi; all’esterno abbiamo fissato tutto con nastro isolante e fascette. A questo punto abbiamo crimpato i connettori alle estremità dei cavi e montato le antenne.

    Le direzioni, come pianificato alle riunioni, sono:

    1. Nanostation M5 - Fiesole, lavorivirtuali
    2. Nanostation M5 - Bellanzer2, unname

    I risultati sono i seguenti:

    • Verso fiesole il segnale è abbastanza buono, circa -73 per fiesole1 e poco di più per fiesole2 (credevo meglio, considerando che la visuale è libera; provando a ruotare l’antenna cambia poco)
    • L’altra antenna l’ho messa a circa 90° rispetto alla prima, non ho ancora provato ad allinearla bene; comunque riesce a sentire bellanzer2 con circa -85.

    Purtroppo al momento manca una presa con la messa a terra nella stanza col router; comunque c’è una scatola di deriazioni lì vicino dove è presente anche la terra, quindi sarà facile ottenerla.

    Cose da fare per finire/migliorare il lavoro:

    • Aggiungere una presa con la messa a terra.
    • Migliorare l’allineamento delle antenne.
    • Fissare e raggruppare meglio i cavi all’interno.

    Nuovamente Online

    A causa di problemi tecnici il sito è stato offline per qualche giorno, al momento stiamo sviluppando una strategia per distribuire il sito su più server cercando di garantire un uptime migliore.

    Nel frattempo, grazie agli amici di Roma, è abbiamo anche configurato un sistema di statistiche rispettoso della privacy che potete consulare qui.

    nolith

    Non ci sono più scuse per non scrivere un post

    Lunedì a riunione abbiamo discusso un po’ sulla migrazione del sito alla nuova piattaforma basata su jekyll, uno dei temi principali di discussione era proprio la facilità o meno di contribuire al sito.

    Lo scontro è stato acceso perché un’interfaccia come quella di drupal creava non pochi problemi con connessioni ballerine e inoltre, probabilmente per colpa nostra che l’avevamo configurata male, ci dava parecchi problemi con le immagini. D’altro canto jekyll e la scelta di tenere il sito versionato con git può comunque rimanere ostica.

    Ma adesso c’è anche la possibilità di editare online con prose.io e quindi abbiamo il meglio dei due mondi ;)

    felicità

    Ora abbiamo un sito statico, versionabile e distribuibile su più host, anche all’interno della rete.

    Lunedì prossimo (15 settembre 2014) a riunione spiegherò un po’ come funziona il nuovo sito, intanto chi volesse avvantaggiarsi faccia un account su github e mi mandi l’username così lo aggiungo al gruppo ninux-fi.

    nolith

    Resoconto riunione di lunedì 8 settembre 2014

    Ancora una riunione molto frequentata e piena di discorsi e facce nuove.

    Sistemazione dei server nel rack

    Dopo una lotta faticosa abbiamo distanziato i due server nel nostro rack di modo da migliorare la circolazione dell’aria e quindi il raffreddamento.

    Appena entrati nella nostra stanzina abbiamo verificato che il calore interno era molto minore della nostra precedente visita e che i due server facevano molto meno rumore, probabilmente perché avevamo lasciato la finestra aperta e anche perché tank2 non sembrava più sotto sforzo.

    Comunque adesso i due server sono ben distanziati.

    Sistema di monitoraggio centralizzato

    Già dalla precedente riunione era stata espressa la necessità di avere un sistema di monitoraggio del traffico nella nostra rete.

    Usare il sistema con vnstat può essere una prima soluzione che però non può essere usata facilmente sui router con openwrt (perché sembra che dia problemi alla memoria interna obbligando all’uso di chiavette usb esterne) e perché necessita di installazione e configurazione di software su ogni nodo.

    C’è la proposta di Salvatore di interrogare i router da un punto centrale usando il protocollo snmp e salvare i dati su un database. Questo sistema permette di monitorare non solo il traffico di rete ma anche il carico di uso della cpu e della memoria nei nodi interrogati e di salvare questi dati in formati che siano poi riutilizzabili anche in altre forme e necessita solo dell’attivazione del protocollo sugli apparati (normalmente presente) che partecipano al monitoraggio.

    Nodo di Santa Marta che non fa traffico verso i nostri ip pubblici

    Sembra che all’interno della rete della facoltà di ingegneria ci sia un firewall che blocca le connessioni verso i nostri nodi con ip pubblici (isolando di conseguenza anche il nostro sito dall’esterno di internet), probabilmente perché abbiamo fatto troppo traffico dovuto all’attacco al sito web che abbiamo subito nelle settimane passate.

    Dobbiamo contattare i responsabili della rete universitaria per sapere con più precisione quel che sta succedendo e trovare un modo per ripristinare questo traffico ora che il nostro sito non dovrebbe più essere attaccabile nei modi precedenti.

    Nuovo sito statico con jekyll

    Dopo ampia e accesa discussione è stato deciso di provare a trasformare il nostro sito da drupal al generatore di pagine statiche jekyll usando come formato di partenza markdown e un sistema di controllo di versione su git.

    Questo dovrebbe permettere di avere un sito meno impegnativo per i nostri server e più facilmente replicabile. Di contro però probabilmente sarà richiesto un livello tecnico più specialistico per la partecipazione alla scrittura di articoli per il nostro sito: per mitigare questo scoglio si è pensato di fissare una riunione mirata, probabilmente (da confermare) già la prossima settimana.

    Resoconto della Riunione di Lunedì 1 Settembre 2014

    Riunione molto partecipata e sentita quella di ieri sera:

    1. Nodo UomoRotabile: Alberto sta tentando di Scovare un “passaggio a Nord-Ovest” attraverso il tetto di un suo amico in Via Reginaldo Giuliani per poi collegarsi a Firenze:Lippi: Il collegamento si effettuerà a 2,4 GHz.

    2. Nuovo sito: Anche se qualcuno storce un pò il naso sembra che jekyll sia la strada che garantisce una più facile mantenibilità e aggiornamento del sito vista la semplicità della sintassi dello strumento. I presenti erano tutti d’accordo. Bisogna imparare ad usarlo (Parlo per ,me !)

    3. Server Tank2: E’ stata estratta la macchina dalle guide, non vi dico le difficoltà e i “commenti”, per smontare le ventole e soffiarle con aria secca. Tutto è stato rimontato e sembra che faccia un pò meno rumore. Si è poi notato che i due server Cenerentola e Tank2 sono troppo vicini e si facevano caldo l’un con l’altro, quindi è stato giudicato più “morale” spostare Cenerentola un pò più in alto. Salvatore porterà le brucole torks per smontare le guide e rimonatarle in posizone più elevata : speriamo che non ci voglia un altro anno come la volta precedente !

    4. Rete Ninux: Serve un sistema di monitoraggio della rete, buona la proposta di Leandro con l’uso di VnStat. Strumento leggero e abbastanza gestibile ma richiede qualche installazione in ogni nodo, comunque consente una analisi del nodo molto dettagliata. Salvatore ha proposto anche un sistema basato su SNMP per raccogliere dati essenziali dalle antenne Ubiquity, che hanno il servizio già installato, e archiviarli su un server MySql in forma tabellare. Il server poi potrebbe esser replicato anche su un altra macchina e quindi garantire l’accessibilità. La base dati costituisce quindi la fonte di accesso per qualunque applicazione web based.

    Salvatore