Chi siamo

Siamo un gruppo di appassionati di tecnologia, del fai da te e del software libero. Ispirati dal progetto Ninux di Roma vogliamo realizzare anche a Firenze (e dintorni) una rete wireless libera da censure e di proprietà delle persone.

Vuoi partecipare?

  • Vai sulla mappa e aggiungi un nodo potenziale
  • Iscriviti alla nostra mailing list
  • Vieni ad una riunione del gruppo: gli incontri avvengono il Lunedì ogni 2 settimane presso la sede all'exfila (via Monsignor Leto Casini, 11, Firenze, mappa) alle ore 21.00.

    Incontro con gli studenti nello stabile occupato di Via Ponte di Mezzo

    Un gruppo di studenti trovandosi di punto in bianco senza un alloggio per le modificate condizioni di calcolo dello isee, hanno occupato uno stabile, nuovo e mai utilizzato, di proprietà della ASL di Firenze in Via Ponte di Mezzo. E’ qui che gli studenti senza alloggio studiano, vivono e organizzano anche delle attività sociali e ludiche. Tra le attività previste in questo periodo c’era anche l’incontro con noi del gruppo Ninux. Questo era un evento molto atteso sia per la natura comunitaria del progetto Ninux che per la possibilità che Ninux può offrire di una connessione a Internet. Io e Leandro siamo arrivati con molto anticipo ma l’accoglienza cordiale e simpatica degli studenti ha reso l’attesa piacevole. Dopo una visita nei vari locali dello stabile adeguati alle necessità di una comunità di studenti ci siamo recati sul tetto, luogo per noi di Ninux molto attrante, per verificare le condizioni di copertura per una eventuale collegamento ad un nodo esistente.

    Vista dal Tetto

    Abbiamo visto che il Nodo Firenze::Lippi è piuttosto vicino ma coperto dal Palazzo della Banca Toscana. Abbiamo ritenuto però di eseguire comunque una prova con una antenna piazzata su un palo molto più alto (almeno 6 m) di quello esistente (Hai visto mai …). Siamo in contatto con Antonio per procedere in questa attività. Più tardi ci è stata offerta una cena a base di verdure fresche, piatti estivi e bibite ghiacciate. Abbiamo parlato dei normali problemi di convivenza e di precariato che gli studenti si troveranno ad affrontare in un periodo di vacanza quale sarà quello di Agosto. Quindi sazi e soddisfatti e molto più confidenti e amici di quando siamo arrivati, ci siamo radunati in sala studio, attrezzata con proiettore e seggiole per tutti e trenta gli studenti presenti nello stabile, per raccontare la nostra esperienza comunitaria e cosa vogliamo che Ninux sia per Firenze.

    L'incontro

    L’interesse al solito “pippone Ninux” è stato alto e partecipato non solo a causa della immediata necessità di avere una connessione efficace a Internet, ma anche per le opportunità di condivisione e relazione tra soggetti comunitari che Ninux può promuovere e supportare. La prospettiva di avere una base comune da dove attingere per motivi di studio o di svago: documentazione e pubblicazioni condivise ma anche musica e film, ha stimolato queste giovani menti.

    I giovani

    Ci siamo lasciati scanbiandoci i rispettivi riferimenti per ultertiori incontri ma ciò che veramente mi ha colpito è stato che un ragazzo mi ha rincorso dicendomi: “……ti chiamerò uno di questi giorni perchè mi interessa parecchio la cosa della condivisione”. Beh ! più promettente di così …………..

    Incontro a Bologna nell'ambito dei "warmup" in vista del prossimo hackmeeting

    Sabato 23 aprile si terrà a Bologna un incontro dal titolo Internet è rotta, aggiustiamo internet! presso l’auditorium Enzo Biagi dalle ore 15:00 alle ore 18:30: durante tale incontro ci sarà una presentazione del progetto Ninux e delle reti wireless comunitarie.

    Per maggiori informazioni: http://www.bibliotecasalaborsa.it/eventi/26092

    L’incontro fa parte dei “warmup”, conferenze introduttive al prossimo HackMeeting che si terrà a Pisa dal 3 al 5 giugno prossimi.

    Big fail con il cavo per il nodo di exfila

    È con rammarico che riporto il fallimento del tentativo odierno di passare i cavi nuovi in exfila. In pratica, una volta che il cavo arriva al tetto del bagno del primo piano il buco da cui passa non è percorribile. Pare che chi ci ha preceduti abbia fatto passare il cavo e poi abbia chiuso con una cementata.

    Di conseguenza da lì al momento non si passa, a meno di non sfondare con un trapano, ma non sappiamo bene cosa c’è sopra (ci passano diversi tubi).

    Il blocco non si vedeva fino a quando non ci abbiamo sbattuto contro.

    Quindi abbiamo riavvolto tutto e rinunciato, dobbiamo elaborare un piano B.

    Resoconto dell'incontro all'SMS di Bagno a Ripoli

    Martedì 1° marzo abbiamo tenuto un incontro all’SMS di Bagno a Ripoli.

    Erano presenti cinque persone che partecipano ad una serie di incontri su temi di informatica di base che si tengono regolarmente presso il circolo. Il relatore era Leandro con l’aiuto di Salvatore.

    L’incontro è stato interessante in particolare per la partecipazione attiva degli intervenuti che hanno posto molte domande e proposte per il nostro progetto.

    Resoconto della riunione del 15 Febbraio 2016

    Abbiamo collaudato il nodo Nomade costituito da una raspberry, uno switch da quattro soldi e un’antenna M2 o M5 all’occorrenza intercambiabili.
    Il tutto è assemblato su carpenteria lignea
    Tanto per avere una idea fate riferimento alla immagine qui sotto.

    Minix il nodo Nomade minimo

    Sulla raspberry è stata installata l’ultima versione lite di raspbian (L’interfaccia grafica non serve) scaricabile da https://www.raspberrypi.org/downloads/raspbian/

    In ambiente Debian sono stati installati semplicemente con apt-get i seguenti pacchetti :

    • olsrd

    • vlan

    • isc-dhcp-server

    Il Nodo Nomade si presenta sulla rete ninux con l’indirizzo 172.19.150.2 ed esporta la rete locale 10.150.17.0/24 come registrato già da tempo su ninux.org.

    Due sono le reti configurate sulla unica porta ethernet della raspberry:

    • eth0 con indirizzo 10.150.17.1 al server olsr per la rete locale

    • eth0.3 con indirizzo 172.19.150.2

    Il server dhcp assegna indirizzi ai vari dispositivi collegati tramite lo switch.

    http://wiki.ninux.org/Firenze/GestioneIndirizzi

    Il collaudo è andato molto bene, abbiamo sostituito la M2 installata con un M5 opportunamente dislocata fuori , al freddo, in zona di copertura della antenne di Bellanzer2. Il nodo si è collegato immediatamente alla rete e attraverso di esso abbiamo eseguito tutte le operazioni di installazione e di settaggio della rasperry che servirà a costituire il Kit NodoFoglia di cui parleremo dopo.
    Minix si presta bene per fare le presentazioni e per fare i sopralluoghi per l’istallazione di nuovi nodi come scanner di campo. Qualcuno propone di alimentarlo a batteria. Forse sarebbe meglio un gruppettino di continuità visto che la M2/M5 richiede una tensione di almeno 24 V. Un prossimo sviluppo è quello di dotare Minix di una interfaccia WiFi (Adattatore usb).Ci stiamo lavorando!.
    Si è anche lavorato con le raspberry (con su raspbian) di Leonardo e Emanuele per la configurazione del Kit NodoFoglia Minimo. Come tutti saprete il nodo Kit dovrebbe rappresentare la base minima di nodo (foglia) realizzabile con una raspberry per fare il routing a terra e una antenna M2/M5 o altro. In questo modo avremmo modo di offrire a chi volesse installare un nuovo nodo ninux una base da cui partire e con la quale usufruire da subito dei servizi offerti dalla rete comunitaria.
    Tutto questo anche in previsione del fatto che noi di Ninux Firenze ci siamo ripromessi di dare supporto alla iniziativa del Comitato MammeNoInceneritore per installare stazioni personali di misura del PM10/PM2.5 e soprattutto alla raccolta e all’accesso dei dati da queste misurati.

    Abbiamo installato YunoHost, ambiente grafico Web Based di configurazione e installazione di pacchetti per debian: https://yunohost.org/#/
    Abbiamo anche visto che è possibile predisporre degli script (PHP): nella documentazione di Yunohost c’è un template, per aggiungere altri pacchetti oltre a quelli previsti inizialmente.
    Tenteremo di aggiungere la configurazione di OLSR mediante la quale sarà possibile scegliere alcune opzioni, ad esempio:

    • Indirizzo del nodo

    • Indirizzo della rete locale

    • Idirizzo del gateway locale per internet

    • Esportazione di Internet (Si/No)

    • ed altri items da definire.

    Alcuni di noi hanno rinnovato la tessera ARCI.